Logo dell'iniziativa contro il prestito a pagamento - Divieto d'accesso con scritta Non Pago di Leggere - disegno

Scritta Non Pago di Leggere - Campagna europea contro ilprestito a pagamento - da un'iniziativa della biblioteca di Cologno Monzese-logo biblioteca-occhio


scenario
il punto
iniziative
sono con noi
la B.E.L.L.A. catena
manifesti e appelli
adesioni
documentazione
usa e diffondi
sito spagnolo
in Portogallo
rassegna stampa
bandiera inglese


per le biblioteche


biblioteche ed enti promotori

  logoAIB
  logoBrescia
  logoCastellanza
  logoEmpoli
  logoModena
  logoPesaro
  logoPinerolo
  logoPistoia
  logoRoma
  logoSettimo
  logoTrento
  logoCsbno Milano
  logoSbiroz Milano
  logoSbv Milano
  logoMilano Est
  logoNord Est Milano
  logoValenza



::: No Pago : news :::
Novità dalla Campagna Non pago di leggere

::: Il punto ::: ottobre/novembre 2005

::: In Primo piano :::
:: La vicenda italiana del prestito a pagamento sembra entrata ormai definitivamente nella prevista fase di letargo. Ma sotto la crosta dell'immobilità molte novità vanno preparandosi (tenetevi pronti). Dal punto di vista della campagna, occorre tener vivo quel tanto di calore sottocutaneo necessario per la ripresa impetuosa della vita al disgelo.

Intanto l'Associazione italiana biblioteche ha distribuito un documento che riassume e sostanzia la 0posizione dell'Associazione contraria al prestito a pagamento. Accanto a quello dell'Ifla (International Federation of Library Association and Institution) rappresenta la più recente presa di posizione ufficiale della comunità bibliotecaria.
> documenti:
Aib http://www.aib.it/aib/cen/prestito0506.htm
Ifla http://www.ifla.org/III/clm/p1/PublicLendingRigh.htm
Siamo stati autorizzati dall'Ifla ad una traduzione di codesto documento che pubblicheremo con il Quaderno NoPago n.2

:: Fronte governativo ::
Il Comitato consultivo permanente per i diritto d'autore del Ministero dei beni culturali sta lavorando al progetto di riforma della legge 633/41 sul diritto d'autore.
La bozza di decreto legislativo, elaborata dal Comitato ha suscitato pero' una secca risposta della Presidenza del Consiglio (si veda la lettera del Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri Mauro Masi al presidente del Comitato consultivo permanente per i diritto d'autore, Giuseppe Corasaniti).
Tale bozza contiene all'Art. 75, Prestito ai fini di promozione culturale e studio personale di opere protette, un articolo che recita:
2. A fronte dei prestiti concessi le biblioteche e le discoteche dello Stato e degli enti pubblici dovranno riconosce agli editori e agli autori delle opere a stampa nonché agli altri aventi diritto di cui alla lettera b), un equo compenso da determinarsi con accordo delle categorie interessate o, in difetto, con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, sentito il Comitato per il diritto d’autore, tale decreto individua anche specifiche tipologie di biblioteche e discoteche pubbliche ed associazioni culturali senza scopo di lucro esentate dall’obbligo di remunerazione.
> documenti:
- Comitato consultivo permanente per i diritto d'autore http://www.spettacolo.beniculturali.it/dipart/dir_autore/comitato_da.htm
- progetto di riforma "bozza Corasaniti" http://www.interlex.it/copyright/bozzagcor.htm
- risposta Mauro Masi

:: Consegna firme Manifesto ::
Intanto sono state consegnate le prime 53.500 firme del Manifesto in favore del prestito gratuito nelle bilbioteche nel corso della II Conferenza di organizzazione delle biblioteche lombarde. Tale consegna simbolica avverrà in tutte le regioni italiane da parte dei colleghi impegnati nella campagna nel corso di occasioni pubbliche di dibattito.
> documenti:
- programma
- filmato consegna (.wmv 753 Kb 43')
- info ai bibliotecari

:: A. come autori ::
Dal fronte autori prosegue la raccolta delle sottoscrizioni alla lettera aperta. Dopo le sottoscrizioni estive di Margherita Hack e Dacia Maraini, a Vigevano, nel corso della manifestazione Brividi tra le righe che si è svolta dall'11 al 16 ottobre scorso, hanno sottoscritto le ragioni della campagna per il mantenimento del prestito gratuito, gli autori: Giovanni Del Ponte, Anna Vivarelli, Raul Montanari, Margherita Oggero, Valerio Magrelli, Vincenzo Pardini, Piero Degli Antoni, Giuseppe Culicchia, Piersandro Pallavicini. Un grazie ai colleghi della biblioteca civica "Lucio Mastronardi"!

:: L'autore collettivo Paolo Agaraff ci scrive che il romanzo in uscita "Il sangue non è acqua" conterrà la scritta:
"L'autore di questo libro difende la gratuità del prestito bibliotecario ed è contrario a norme o direttive che, monetarizzando tale servizio, limitino l'accesso alla cultura. L'autore e l'editore rinunciano a riscuotere eventuali royalties derivanti dal prestito bibliotecario di quest'opera."
> documenti:
- lettera Gli autori in difesa del prestito gratuito nelle biblioteche
http://www.nopago.org/index.php?page=appelloautorisottoscritto
- paolo agaraff http://www.paoloagaraff.com/books/sangue.html

:: In Spagna
I bibliotecari del "Comando" non hanno riposato molto nemmeno quest'estate: tra le riunioni al Lavapies, le incursioni alla Feria del libro, la stesura di una "proposicion no de ley", la creazione del sito [www.noalprestamodepago.org;], l'invio di una nuova lettera ad autori ed editori con richiesta di pubblicare in calce al libro un'avvertenza per il prestito gratuito, la ricerca di alleanze con i professionisti dell'informazione e della creatività che sono sotto il giogo di brevetti e altri capestri, il mondo delle biblioteche spagnole continua a ritmare il tempo (e anche il countdown) della campagna. Intanto anche lì corrono boatos sempre più documentati su prossimi cedimenti ministeriali (del tipo "pagare poco, ma pagare qualcosa"), e dopo le Segundas Jornadas già si progetta e prospetta il tema delle Terceras: "l'allargamento della campagna" all'intero orizzonte della proprietà intellettuale, contro le "barriere alla conoscenza". Una mostra fotografica "Contra el canon en bibliotecas públicas y universitarias" sta girando in questi mesi numerose biblioteche per sensibilizzare gli utenti ai temi della campagna (foto).

:: Proprietà intellettuale, saperi pubblici ::
La proprietà intellettuale sta diventando la nuova frontiera che delimita e divide il sud e il nord del mondo, i lettori e gli editori, la comunità scientifica e i custodi del copyright. Vi segnaliamo qualche libro:
  • Creative Commons, Open non è free. Comunita' digitali tra etica hacker e mercato globale, Progetto Ippolita, Eleuthera, 2005
  • Cultura libera: un equilibrio fra anarchia e controllo, contro l'estremismo della proprietà intellettuale, di Lawrence Lessig, Apogeo, 2005
  • Diritto a comunicare e accesso ai saperi. Claudia Padovani, Jason Nardi et alii, Carta 2005
  • Pouvoir Savoir. Le développement face aux biens communs de l'information et à la propriété intellectuelle. Publié à l'occasion de la Rencontre internationale du même nom, Paris, 1er avril 2005. Paris, C&F Editions, 2005 http://www.vecam.org/rubrique.php3?id_rubrique=83
  • Il Sapere Liberato. Open Source e ricerca scientifica, di Collettivo LASER, Feltrinelli 2005

  • ISDR, Proprietà intellettuale o patrimonio intellettuale? Numero1, 2005 http://www.ilsecolodellarete.it/foto/isdr_n0.pdf
  • Sul buon uso della pirateria Proprietà intellettuale e libero accesso nell'ecosistema della conoscenza, di Florent Latrive, prefazione di Lawrence Lessig, DeriveApprodi, 2005




  • ----------------------------------------------------------consulta Il punto di: aprile2004
    ----------------------------------------------------------consulta Il punto di: maggio2004
    ----------------------------------------------------------consulta Il punto di: giugno2004
    ----------------------------------------------------------consulta Il punto di: ottobre2004
    ----------------------------------------------------------consulta Il punto di: dicembre2004
    ----------------------------------------------------------consulta Il punto di: marzo2005



    Sito a cura di della Biblioteca Civica di Cologno Monzese
    nopago@comune.colognomonzese.mi.it

    Il contenuto di questo sito può essere riprodotto
    con licenza creative commons citando la fonte
    Creative Commons License